La lega degli scandali, Salvini dove sei?


    TUTTI I GUAI DELLA LEGA Il segretario veneto del PD invita il capo della Lega a rispondere

    «Quando Salvini deciderà di smetterla di giocare a nascondino e assumersi un briciolo della responsabilità politica che gli compete sarà sempre troppo tardi». Il segretario regionale del Partito Democratico, Alessandro Bisato, chiede al capo della Lega Nord di «venire allo scoperto e smetterla di eludere le domande che l’opinione pubblica gli pone con sempre maggiore insistenza».

    «Dalle quote latte, con migliaia di allevatori veneti imbrogliati dalle illusorie promesse leghiste, alle decine di milioni di finanziamento pubblico che esponenti della Lega avrebbero utilizzato per fini privati, dai diamanti di Belsito alle ardite speculazioni edilizie nell’Istria croata, dalle tangenti della Montedison al crack Crediteuronord con 3.500 soci letteralmente dilapidati, il partito di Salvini ha bruciato una fortuna. Le domande tuttavia restano tutte: è vero, come ha rivelato l’Espresso, che Salvini ha utilizzato parte dei 48 milioni truffati da Bossi e Belsito? Perché la Lega non si è costituita parte civile nei confronti di Belsito? Perché Salvini camuffa da attacco politico l’inchiesta dei magistrati liguri su un’ulteriore tranche di quasi 70 milioni di finanziamento pubblico alla Lega il cui utilizzo rimane tutto da accertare? È vero che il cambio di nome del partito (da Lega Nord a Lega) è funzionale a evitare azioni di responsabilità nei confronti dell’attuale dirigenza?».

    Tutte domande semplici e lecite, conclude Bisato, «ma a cui finora i contribuenti italiani non hanno ancora ricevuto risposta alcuna».