Vittime lavoro, Bisato: «Cordoglio non basta»

    Il segretario veneto del PD: «Alle parole bisogna far seguito con azioni concrete per contrastare fenomeno»

    La morte di Sergiu Todita, l’operaio rimasto ustionato nell’incidente alle Acciaierie Venete di Padova lo scorso 13 maggio, allunga il tragico elenco delle vittime sul lavoro nella nostra regione. «Alla moglie, alla figlia e a tutti i familiari e amici di Sergiu vanno le nostre condoglianze», dice il segretario regionale del Partito Democratico, Alessandro Bisato. «Tuttavia, il dolore e il cordoglio non sono sufficienti. In questa situazione, se non si fanno seguire azioni concrete per contrastare il fenomeno, possono addirittura risultare ipocriti».

    Il Partito Democratico continua a denunciare, insieme ai sindacati regionali, la carenza di personale che affligge gli uffici degli ispettorati del lavoro presso le aziende sanitarie locali. «In Veneto sono attivi 150 ispettori», ricorda Bisato, «un terzo rispetto a regioni come la Lombardia o la Toscana. La giunta regionale non ha finora attivato nessuna misura per aumentare il numero di ispettori in servizio. Alle parole di impegno del presidente Zaia non è seguito nessun atto amministrativo».

    Il tema della sicurezza sui posti di lavoro sarà affrontato martedì 12 giugno a Marghera in un incontro promosso dal PD dal titolo “Incidenti e morti sul lavoro in Veneto: quali le responsabilità e quali le soluzioni?”. All’incontro intervengono oltre al segretario regionale, l’ex direttore dello Spisal dell’Ulss Dolo e Mirano, Flavio Valentini, i segretari provinciale della Cgil, Cisl e UIl di Venezia, Enrico Piron, Paolo Pozzobon e Mario Ragno, il consigliere regionale Bruno Pigozzo e Marco Rizzetto, segretario del Pd di Marghera. Coordina gli interventi Claudio Beltramello, responsabile sanità del Pd veneto. Partecipano inoltre il presidente della municipalità di Marghera, Gianfranco Bettin e il presidente dell’assemblea metropolitana del Pd di Venezia, Emanuele Rosteghin.

    L’appuntamento è alle 20.30 di martedì 12 giugno nella sede della municipalità di Marghera in via Rinascita 96.